Ornella Vanoni

Ornella Vanoni è una delle più grandi interpreti della musica italiana, capace di spaziare dalle canzoni della mala milanese interpretate al Piccolo Teatro di Milano sotto la guida di Giorgio Strehler, alla canzone d’autore, dalle sonorità sudamericane al jazz. Nel 1960 l'incontro con Gino Paoli la porta a una collaborazione autore-interprete di altissimo livello che si ripeterà con altri grandi musicisti: tra i tanti New Trolls, Vinicius de Moraes e Toquinho, George Benson, Herbie Hankock, Steve Gadd, Gil Evans, Michael Brecker, Ron Carter, Fabrizio De André, Lucio Dalla, Roberto Vecchioni, Paolo Fresu. Il suo eclettismo la porta dal palcoscenico dei teatri di prosa (migliore attrice nel 1961 per L'idiota di Achard e La fidanzata del bersagliere di Anton) alle canzoni che hanno fatto la storia della musica italiana: da Senza fine a Mi sono innamorata di te, da Io ti darò di più a Un’ora solo ti vorrei, da Una ragione di più a L’appuntamento, Dettagli, Stella nascente. Nel settembre scorso ha pubblicato il suo nuovo disco Meticci (Io mi fermo qui), con il quale ha annunciato l’addio alla discografia e ha girato l’Italia con una serie di concerti per Un filo di trucco un filo di tacco… l’ultimo tour. La sua grande amicizia con Pino Roveredo la porta a condividere con lui il palco di Cremona per la presentazione di Ballando con Cecilia.