Betina Lilian Prenz

Betina Lilián Prenz nasce in Argentina, a La Plata, nel 1968. Nel 1975, costretta ad abbandonare il paese d’origine a causa degli avvenimenti che porteranno al golpe del 1976, si trasferisce a Belgrado. Nel 1979, lascia la capitale serba per Trieste, città nella quale tuttora risiede. Dopo la Laurea e il Dottorato in Filosofia del Linguaggio, ha lavorato come docente in varie università, occupandosi anche di traduzione letteraria, soprattutto poetica. Il suo racconto Viavai ha vinto il Secondo Premio del IX Concorso letterario nazionale Lingua Madre, con la seguente motivazione: “Per l’abilità narrativa di rappresentare storie di emigrazione attraverso un racconto multiplo e intrecciato di destini e relazioni familiari. Per la capacità di fare riferimento a eventi storici e problematiche politiche e sociali senza atteggiamento didascalico e senza ingenuità. Per la capacità di illustrare, dai diversi punti di vista, l’immigrazione e la sua eredità, a volte amara, attraverso una struttura originale, a più livelli. Sullo sfondo, sfiorata ma presente, la dittatura argentina, l'emigrazione italiana in Argentina, un “viavai” tra due poli raccontato con leggerezza e grazia, un piccolo insieme di voci che restituisce la dimensione autenticamente corale di tutte le storie”.