Franco Battiato

Franco Battiato è nato a Jonia, in Sicilia, nel 1945. Figura tra le più importanti e innovative di tutto il panorama cantautorale italiano, si è da sempre confrontato con molteplici stili musicali, combinandoli tra loro in un approccio spesso eclettico e originale: si va dagli inizi romantici degli anni sessanta, alla musica sperimentale dei settanta, passando per l'avanguardia colta, la musica etnica, il rock progressivo e la musica leggera, attraversando la musica elettronica e l'opera lirica. Ha sempre ottenuto un grande successo di pubblico e di critica, avvalendosi sovente di collaboratori d'eccezione come il violinista Giusto Pio e il filosofo Manlio Sgalambro (coautore di molti suoi brani). Non solo la musica, ma anche i testi riflettono i suoi molteplici interessi, tra i quali l'esoterismo, la filosofia, la mistica sufi e la meditazione orientale. Sin dai primi anni ’70 partecipa attivamente alle correnti di ricerca e sperimentazione europee ma il suo primo grande successo è l’album L’Era del Cinghiale Bianco (1979). Ne seguono altri 46, alcuni dei quali, come La voce del Padrone, Come un Cammello in una grondaia (Miglior Disco dell’Anno 1991 nel referendum della stampa specializzata), Caffé de la Paix (nuovamente Miglior Disco dell’Anno), Shock in my town, Fleurs, (targa di Miglior Interprete all’edizione 2000 del Premio Tenco) Fleurs3 rimangono al vertice delle classifiche italiane per molti mesi vendendo centinaia di migliaia di copie. Battiato diventa un “caso”, materia di studio per gli intellettuali e fonte d’ispirazione per i musicisti. Compone anche opere liriche, come Genesi e Il Cavaliere dell’intelletto, su libretto del filosofo Manlio Sgalambro. La cura contenuta nell’album L’imboscata è riconosciuta Miglior Canzone dell’Anno al Premio Internazionale della Musica. Nel maggio 2003 esce nelle sale Perduto Amor, esordio cinematografico alla regìa con cui vince il Nastro d’Argento come miglior regista italiano esordiente. Seguiranno Musikanten con Sonia Bergamasco e Alejandro Jodorowsky e Niente è come sembra, interpretato da Giulio Brogi e il docufilm Auguri Don Gesualdo. Del 2004, il debutto televisivo con Bitte, keine réclame, un programma scritto con Manlio Sgalambro. Sei puntate di 45 minuti, in cui vengono proposti incontri con uomini straordinari. Nel 2011, Battiato compone Telesio, la sua nuova opera che nel prossimo autunno verrà pubblicato da Bompiani in un doppio CD con la musica, il “dietro le quinte” dell’opera e il libretto di Sgalambro. Anche di questo si parlerà nel suo incontro al festival.